Twitter search with: costa discount

Costa Crociere in difficoltà nella gestione on line della crisi

** Update in fondo al post ** – ** Costa Crociere smentisce la notizia **

Dal susseguirsi di tweets si palesa sempre di più come infelice (per esser diplomatici) la scelta da parte di Costa Crociere di offrire ai sopravvissuti al naufragio, un sconto del 30% sulle prossime crociere Costa.

Twitter search with: costa discount

Twitter search with: costa discount

A quanto pare la situazione si complica sempre di più dal punto di vista della relazione con la propria clientela (ricerca su twitter “costa discount).

Uno dei tweets

ci guida sin all’articolo del Telegraph “Costa Concordia: ‘insulting’ cruise offer to survivors

One British survivor of the disaster, which claimed 12 lives with 20 people still missing, branded the offer as “insulting”.

The Telegraph: Costa Concordia: 'insulting' cruise offer to survivors

The Telegraph: Costa Concordia: 'insulting' cruise offer to survivors

It was disclosed that in an attempt to help survivors the ship’s parent company, Carnival, has been telephoning passengers daily asking if they are suffering nightmares or sleepless nights.

But that move also appeared to backfire when a psychologist said such questioning could trigger post traumatic stress rather than relieve it.

A little over a week after the ship capsized off the coast of Tuscany, it also emerged that:
• An emergency services log showed that the Concordia’s captain, Francisco Schettino, abandoned ship more than four hours before the last passenger.

Rileggendo l’articolo sul The Telegraph, risulta ancor di più incredibile la gestione offline, se è vero quanto riportato in quell’articolo, personale Carnival ha contattato ogni giorno i sopravvisuti per chiedere se stessero soffrendo di incubi o insonnia. Ora mi auguro che ciò sia un caso isolato e non prassi.

La situazione sembra davvero fuori controllo.

La pubblicazione su Facebook di questo post ha generato un’animata discussione, condivido con voi l’osservazione di Claudio Gagliardini:

“Per farti perdonare da un naufrago o sei in grado di regalargliela, un’altra crociera, oppure limitati a una bella lettera di scuse, per come la vedo io”

 

Update

Il titolo di questo post e il post stesso, vuol mettere in evidenza la carenza di gestione da parte di Costa Crociere, non ha altre pretese.
Andando a rivedere la mia timeline, il primo tweet del Telegraph è del 21 Gennaio, 2 giorni fa!

Due giorni, due giorni di assoluto silenzio da parte di Costa Crociere, come è possibile verificare dal profilo twitter ufficiale @costacrociere

Costa Crociere: profilo Twitter al 23 gennaio ore 19:00

Costa Crociere: profilo Twitter al 23 gennaio ore 19:00

Parlando di difficolta nella gestione on line della crisi, mi riferisco proprio a questo vuoto comunicativo.

Update 24 gennaio 2012

Doveroso riportare la smentita ufficiale emessa il 24 gennaio ore 15 da parte di Costa Crociere, sia sul sito www.costacrociere.it che sulla pagina Facebook Costa Crociere

Costa Crociere Smentisce la notizia

Costa Crociere Smentisce la notizia

 

Come già detto, obiettivo di questo post è sempre stato, solamente ed esclusivamente di porre attenzione sulla gestione on-line, nient’altro.

Costa Crociere ha atteso 3 giorni per emettere un comunicato ufficiale in risposta all’articolo del The Telegraph.
Un vuoto comunicativo durato tre giorni, vuoto che ha lasciato crescere in rete e nei media (vedesi newsfeed.TIME.com) una percezione negativa del brand.

Newsfeed Time riporta The Telegraph

Newsfeed Time riporta The Telegraph

Post affini :

One thought on “Costa Crociere in difficoltà nella gestione on line della crisi

  1. Pingback: Twitter: non è il mezzo che comunica, siete voi | Luca Perugini

Leave a Reply