Search on Twitter Angelino Allfano

Twitter: il caso Alfano e la necessità di crearsi un’identità online riconoscibile

E’ proprio necessario crearsi un’identità online riconoscibile?
Vediamo cosa è accaduto in questi giorni ad Angelino Alfano.

Dopo il caso Alemanno, esplode in rete il caso Angelino Alfano Segretario del PDL.
Tutti ricorderete gli spassosi tweets emessi dall’account fake @AIemannoTW durante la “famosa” nevicata romana, ora sembra sia il caso di Angelino Alfano.

Anche qui ci troviam di fronte ad un account fake @angeaIfa, che magistralmente ha tratto in inganno diversi politici italiani, non ultimo il Sindaco di Roma Gianni Alemanno, come dettagliatamente riportato da Marco Esposito, @betman, nel post “Il vero Alemanno retwitta il falso Angelino Alfano“.

Ripercorriamo la breve storia di @angeaIfa, il fake di @angealfa.
Nasce online 7 marzo 2012

raccoglie un certo interesse scatenando dei RT

@angeaifa account fake di Alfano commenta Formigoni @r_formigoni e viene RT

@angeaifa account fake di Alfano commenta Formigoni @r_formigoni e viene RT

Angelino Alfano fake @angeaifa viene RT

Angelino Alfano fake @angeaifa viene RT

 

si lancia subito nella parodia del vero account

 

 

 

qualcuno deve aver avuto dei sospetti, sui cui il fake fa leva

ecco viene scoperto ed “accusato” della poca originalità, certo abbiam visto già il caso Alemanno

 

ma nonostante ciò, c’è chi cade nel “tranello”… e rapidamente si accorge del fake

 

 

Il Fake è stato scoperto ma riesce comunque a trarre abilmente in inganno, sia Italo Bocchino @FLIbocchino che Alemanno @AlemannoTW.

Vediamo Italo Bocchino

 

che riesce anche lui a scoprire il fake insospettito da “dopo Silvio

 

bellissimo lo scambio di battute successivo in cui Italo Bocchino cerca di prendersi una rivincita parlando di “Giochetto.. antico”

 

 

Dopo Italo Bocchino, anche Alemanno @AlemannoTW, il suo staff, cade nel tranello

Alemanno fa RT ad Alfano fake

Alemanno fa RT ad Alfano fake

 

la frase “certo che questa cosa tw deve risolverla” evidenzia la scarsa padronanza e comprensione di Twitter. Il mezzo non si sostituisce a noi, siamo noi che comunichiamo attraverso il mezzo, vedi caso Marta Vincenzi Sindaco di Genova.
Infine è bene ricordare che Twitter consente la creazione di account satirici

Twitter users are allowed to create parody, commentary, or fan accounts. For more information, please see the following policy page:
http://support.twitter.com/entries/106373

Ciò detto, torniamo al flusso di tweets

 

 

che aggiunge questo “esilarante” tweet, da cui sorge spontanea la domanda: possibile che lo staff di Alemanno non sia in grado di distinguire il fake dall’originale?

 

 


Questo racconto mette in evidenza la necessità di crearsi un’identità online riconoscibile.

Nella fattispecie si può notare che, cercando Angelino Alfano su Twitter, si trovano due account a lui riconducibili :

Search on Twitter Angelino Allfano

Search on Twitter Angelino Allfano

bene, il secondo è il fake… ma il fake non era @angeaIfa … ??

A quanto pare, @angelinoalfano è un account “dormiente”, creato nel 2009, come testimonia l’unico tweet emesso

 

Update: l’account @angelinoalfano è stato sospeso.

Occorre anche notare come questo account @angelinoalfano abbia un nutrito numero di followers anche “blasonati”

Profilo Angelino Alfano - account dormiente

Profilo Angelino Alfano - account dormiente

Ma cosa sta accadendo? L’account @angelinoalfano è o non è di Alfano?

Ci sono due ipotesi:

  • l’account è stato creato in un tentativo primordiale di fake
  • l’account è stato creato da Alfano in persona, in modo lungimirante ed ora non sia in grado di riprenderne possesso, magari essendo correlato ad una mail non più utilizzabile

Certo, non sta a noi sapere se questo account sia o meno di Angelino Alfano, quel che è certo è che Alfano potrebbe tranquillamente entrarne in possesso utilizzando il form di segnalazione impersonificazioni messo a disposizione da Twitter, come ampiamente descritto nel mio post “Twitter e furti d’Indentità“.

In conclusione, dopo aver creato un account su Twitter, cercate se esistano account simili o tentativi di impersonificazione, monitorate la vs presenza online.

Operazione di monitoraggio che può esser automatizzata utilizzando dei Google Alert, ma che andrebbe affiancata un’azione manuale di ricerca nei vari social network.

Google Alert su Luca Perugini

Google Alert su Luca Perugini

Infine, trovo sia inutile apostrofare l’autore dei tweets fake come fatto prima da Alemanno

e poi da Gasparri

Se proprio ritenete di esser “danneggiati” dalla presenza dell’account fake, come nel caso dell’Ambasciatore USA McFaul nella recente elezione di Putin, allora agite direttamente, inviate una richiesta tramite il form di segnalazione impersonificazioni:

a nulla serve minacciare denunce, se proprio è il caso, raccogliete le prove (tweets) tenendone magari anche una copia in locale, e procedete direttamente con l’esposto.

Post affini :

One thought on “Twitter: il caso Alfano e la necessità di crearsi un’identità online riconoscibile

  1. Pingback: Politici, inadeguati (anche) in rete | Roberta Covelli | Il Fatto Quotidiano

Leave a Reply