La RAI apre @F1RAI su Twitter

Formula 1: la RAI “va in testa coda” su Twitter – #GpAustralia

**UPDATE – la RAI ha rimosso i tweets inerenti questo articolo – **

Domenica di Gran Premio Formula 1, si corre in Australia – Qantas Australian Gran Prix.

La RAI apre l’account @F1RAI e clamorosamente va “in testa coda” sui tweets.

La RAI apre @F1RAI su Twitter

La RAI apre @F1RAI su Twitter

Vediamo la sequenza:

il primo tweet cerca di definire l’ambito della conversazione.

 

Ma già qui inizia la sbandata: Twitter viene visto, o semplicemente mostrato, come mera estensione della TV, come palesa il tentativo di confinamento della conversazione.
Tentativo che vedremo subito rivelarsi goffo ed inutile.

 

 

 

 

Ma cosa sta accadendo? Perchè il tono della conversazione si infuoca?

 

 

 

 

Vediamo che alla fine lo staff RAI cerca di correre ai ripari

 

 

 

Sino ad arrivare ad ammettere gli errori, dovuti fondamentalmente all’assenza di una strategia sommata ad una maldestra improvvisazione.

 

Occorre infine sottolineare come sia rilevante e necessario dare risposte più consone che rivelino attenzione, e non astio, nei confronti dell’interlocutore

 

vediamo la stessa risposta mostrando attenzione per l’interlocutore

@ ilDario lo trasmettiamo in HD sul canale 501 del digitale terrestre, oppure sul canale 101 della piattaforma TivuSat.

 


Questo è ciò che può accadere, e spesso accade, se si travisa il mezzo con il fine, non basta aprire un account su Twitter, occorre aver definito una strategia di comunicazione.

I Social Media sono diventati una commodity, chiunque può aprire un account su Twitter o una Page su Facebook, in tempo nullo e a costo zero, ma farlo senza una strategia è un grosso rischio che può rivelarsi controproducente sia in termini di comunicazione che in termini di valorizzazione del brand.

Ricordiamoci sempre di pianificare la strategia social seguendo le 3A, Ascolto, Apertura, Attenzione.

Post affini :

Leave a Reply