Tag Archives: terremoto

Traccia scosse 29 maggio 2012

Traccia delle scosse #terremoto aggiornata al 3 giugno – dati USGS

** UPDATE: la mappa è aggiornata al 3 giugno 2012 ***
Traccia delle scosse con dati riportati da USGS

Traccia scosse 29 maggio 2012


View Scia sismica 03 giugno maggio 2012 in a larger map


MAG
       UTC DATE-TIME y/m/d h:m:sLAT degLON degDEPTH kmRegion

MAP 4.8 2012/06/03 19:20:43   44.939 11.023 6.0  NORTHERN ITALY

MAP 5.6 2012/05/29 10:55:57   44.85910.991  9.9 NORTHERN ITALY
MAP 4.7 2012/05/29 08:40:57   44.85310.990  10.1 NORTHERN ITALY
MAP 4.7 2012/05/29 08:25:51   44.81410.948  10.0 NORTHERN ITALY
MAP 5.8 2012/05/29 07:00:03   44.81411.079  9.6 NORTHERN ITALY
MAP 4.2 2012/05/25 13:14:04   44.86011.142  10.0 NORTHERN ITALY
MAP 4.5 2012/05/23 21:41:18   44.80211.296   9.1  NORTHERN ITALY

(Earthquake List for 10-degree Map Centered at 45°N, 10°E)

dati elaborati con Google Maps

Vi riporto un elementare ma eloquente video sul fenomeno della liquefazione del terreno
www.youtube.com/watch?v=JrAaHmOErrQ

Terremoto - Timeline Twitter

Terremoto in diretta sulla timeline Twitter

Scossa delle 15:53

 

il tempo di verificare la situazione e di registrare questo breve video… la timeline Twitter esplode

 

Twitter e l’onda lunga del Terremoto

Twitter è diventato il mezzo primario di diffusione delle notizie, che si tratti della primavera araba ( Jan25 su Google)

Jan25 on Google

Jan25 on Google

oppure di eventi naturali come le scosse di terremoto che sono state avvertite nel Nord Italia ieri sera 24 gennaio alle 00:54 (10km da Verona) e questa mattina 25 gennaio alle 09:06 (13km da Parma) (n.b. in questo post sono riportate solamente le scosse con mag > 4.0 in quanto rilevanti ai fini di potenziali pericolo e danni correlati).

L’aspetto più interessante  in merito al terremoto è l’analisi della coda lunga dei tweets.

Dai primi tweets “emessi” a ridosso dell’evento naturale, molto focalizzati nel dare notizie, si è arrivati rapidamente all’uso ludico dell’hashtag #terremoto, introducendo rumore e rischiando di fatto di vanificare l’uso del “canale”.

Vediamo nel dettaglio.
Continue reading